Diario di bordo e pensieri sparsi - Logbook and scattered thoughts [pt.50] [ ITA/ ENG ]

immagine presa da Pixabay - https://pixabay.com/it/photos/adulto-diario-rivista-taccuino-1850177/ - image by pixabay https://pixabay.com/it/photos/adulto-diario-rivista-taccuino-1850177/


Buonasera amici Hivers! Oggi sentivo l'esigenza di scrivere qualcosa qui su questo splendido ecosistema visto che negli ultimi giorni non sono stato molto attivo con la scrittura di articoli. Volevo scrivere, però qualcosa di diverso rispetto ai miei soliti racconti sul mondo di Splinterlands. E quindi ho pensato di riprendere una serie che si trova sempre sul mio profilo ma che non veniva aggiornata da tanto. Diario di bordo è una serie che spazia dai viaggi alle vicessitudini di tutti i giorni, insomma qualcosa di leggero che non causi particolare pesantezza.

Buon pomeriggio Hivers!

come va? spero tutto bene!

Come vi dissi qualche giorno fa è un periodo molto impegnato per me, ma sto cercando almeno di mantenere stabile l'attività di curations sui vostri post! Leggo ogni singolo post ma non lascio il commento, ma se vedete il mio voto vuol dire che ho letto tutto ;)

Purtroppo sono molto impegnato, la stesura della tesi mi porta via troppo tempo. Le giornate sono scandite da un sveglia alle 7, mezzi pubblici, biblioteca e rientro a casa alle 8. 3 volte a settimana vado anche in palestra, per cui alle 10 ceno e poi voglio soltanto sdraiarmi sul letto ahaha

Comunque sta andando bene, ho quasi chiuso il primo capitolo che parla interamente del confino di polizia fascista.

vi lascio un brevissimo riassunto del tema così che possiate capire tutti a cosa mi riferisco:

Il confino di polizia fascista è una misura preventiva e repressiva dello Stato Fascista che, sulla scia del Domicilio coatto dell’Italia Repubblicana, prevedeva l’allontanamento dal comune di residenza per un tempo che variava da 1 a 5 anni. Questa misura repressiva colpì migliaia di cittadini colpevoli di essere oppositori politici, semplici oppositori al regime che venivano classificati come antifascisti, criminali «incorreggibili» o presunti tali. Facendo una comparazione tra le varie pubblicazioni sul tema, si contano un numero di confinati politici e comuni compreso tra le 15.000 e le 17000 unità. Tuttavia le difficoltà di una ricerca precisa sul numero dei civili colpiti da questa misura si palesano ancora oggi per diverse ragioni, legate soprattutto alla dispersione o alla distruzione dei fascicoli personali in seguito alla caduta del fascismo.
Una prima distinzione che si può attuare è quella tra confinati politici e comuni. Quando si parla di confinati politici si può fare un ulteriore distinzione tra confinati politici in senso stretto, che venivano mandati in apposite colonie di confino create nel tempo dal regime, e semplici oppositori politici che venivano etichettati come antifascisti e che venivano inviati al confino in piccoli paesini dell’entroterra ( soprattutto al Sud Italia). I confinati comuni erano invece per lo più piccoli criminali o presunti tali, ma anche prostitute o omosessuali. Il confino comune colpiva insomma chi era accusato di aver commesso reati non politici.


Oggi per me è pausa, stasera ho una festa di laurea di un mio amico e penso proprio che vada a finire malaccio soprattutto con i drink ahahaha però dai, anche con il cibo.

Napoli si sta lentamente tingendo di azzurro, ancora non è ufficiale ma manca poco... non so davvero cosa aspettarmi dal grande traguardo ma so che saranno giorni che non dimenticherò mai per tutta la vita!

Un abbraccio e grazie mille per la lettura :)


Good evening my fellow Hivers! Today I felt the need to write something here about this wonderful ecosystem, as I haven't been very active with article writing over the last few days. However, I wanted to write something different than my usual stories about the world of Splinterlands. And so I thought I would resume a series that can always be found on my profile but hadn't been updated in a long time. Diario di bordo is a series that ranges from travels to everyday happenings, in short something light that doesn't cause any particular heaviness.

Good afternoon Hivers!

How are you? I hope all is well!

As I told you a few days ago it's a very busy time for me, but I'm trying to at least keep the curations stable on your posts! I read every single post but I don't leave a comment, but if you see my vote it means I've read everything ;)

Unfortunately I am very busy, writing my thesis takes up too much of my time. The days are punctuated by waking up at 7, public transport, library and getting home at 8. 3 times a week I also go to the gym, so at 10 I have dinner and then I just want to lie in bed haha

Anyway it's going well, I've almost finished the first chapter which is entirely about the fascist police confinement.

I'll leave you with a very brief summary of the theme so that you can all understand what I'm referring to:

Fascist police confinement was a preventive and repressive measure of the Fascist state which, in the wake of the Forced Domicile of Republican Italy, provided for the removal from the municipality of residence for a period ranging from 1 to 5 years. This repressive measure affected thousands of citizens guilty of being political opponents, simple opponents to the regime who were classified as anti-fascists, 'incorrigible' criminals or presumed to be such. By comparing the various publications on the subject, the number of politically and communally confined people was between 15,000 and 17,000. However, the difficulties of an accurate research on the number of civilians affected by this measure are still apparent today for several reasons, mainly related to the dispersion or destruction of personal files following the fall of fascism.
A first distinction that can be made is that between political and communal internees. When speaking of political internees, a further distinction can be made between political internees in the strict sense, who were sent to special confinement colonies created over time by the regime, and simple political opponents who were labelled as anti-fascists and who were sent to confinement in small inland villages (mainly in southern Italy). Commonly confined persons were mostly petty criminals or presumed criminals, but also prostitutes or homosexuals. In short, the common confinement affected those who were accused of committing non-political crimes.


Today is a break for me, tonight I have a graduation party of a friend of mine and I really think it's going to end badly especially with the drinks ahaha but come on, even with the food.

Naples is slowly turning blue, it's not official yet but it's not far away... I don't really know what to expect from the big finish but I know they'll be days I'll never forget for the rest of my life!

A hug and thank you so much for reading :)

H2
H3
H4
3 columns
2 columns
1 column
Join the conversation now
Ecency