Sailing to mountains

This is my entry for #monomad challenge by @monochromes

Crête Sèche refuge is like a ship's cabin. Opposite, the silent prow, the bridge of gravel and snow.
(Il rifugio crete sechez assomiglia alla cabina di una nave. Di fronte, la prua silenziosa, il ponte di pietrisco e neve)

2001_07_a_34a_crete_seche_prua.jpg

We sail on a rocky keel, chased by the formidable waves of a silent and soft sea of ​​mists, which, when evening falls, out of jealousy hide distant peaks from view.
Aft, a majestic carpet of clouds diffuses last light, retaining as much noise as possible, fragmenting the last sounds of the valley, scattering elsewhere a world of other rules, which tonight has no important news for us. Only a wordless wind gets there, pushing in one direction only.
(Navighiamo sopra una chiglia rocciosa, inseguiti dalle formidabili onde di un mare silenzioso e soffice di nebbie, che, quando scende la sera, per gelosia nascondono alla vista persino le vette più lontane.
A poppa, un maestoso tappeto di nuvole diffonde l'ultima luce, trattendendo in sè quanto più rumore possibile, frammentando gli ultimi suoni della valle, sparpagliando altrove un mondo di altre regole, che stasera non ha per noi nessuna notizia importante. Ci arriva così solo un vento senza parole, che spinge in un'unica direzione.)

2001_07_a_24a_crete_seche_nebbie.jpg

Our heart that starts, beats fast like this popping flag.
(Il nostro cuore che parte batte rapido e nervoso come questa bandiera schioccante.)

2001_07_a_23a_crete_seche_nebbie.jpg

crete_seche_rd.jpg

Valpelline, Aosta Valley, july 2001.
Analogic black&white pictures, Ilford Hp5 film.

H2
H3
H4
3 columns
2 columns
1 column
4 Comments